Questo sito web usa i cookie

I cookie aiutano sanluigi-gonzaga.it a fornire i propri servizi. Navigando sul sito accetti il loro utilizzo.
Stampa
Categoria: Comunicazioni dalla parrocchia
Visite: 103

Mercoledi' 22 Maggio, alle 20,30, assemblea parrocchiale. Tutti invitati

 La Chiesa di San Luigi Gonzaga a Ragusa si prepara alla Festa del 21 Giugno
 

Carissimi,
Il 21 giugno è la memoria liturgica di San Luigi Gonzaga. 

Vorrei, insieme, pensare ad alcune occasioni che, alla luce della vita cristiana di San Luigi, possano arricchire la nostra vita personale e comunitaria. 

Per questo, insieme al Consiglio Pastorale e al Consiglio degli Affari Economici Parrocchiali, vi invito a partecipare all’assemblea di mercoledì 22 maggio 2019, alle ore 20.30.

Vi invito a pensare, anche insieme ad altri e a coloro con cui condividete una parte della nostra vita comunitaria parrocchiale, a quello che nel mese di giugno possiamo realizzare (non solo giorno 21, ma come sempre anche nei giorni precedenti/seguenti).

Alcune idee, seppur forse quest’anno per motivi di calendario vadano un po’ ripensate, possono, a mio parere, essere riconsiderate: il sorteggio, la serata di fraternità preceduta dalla Messa, il ricordo di padre Adalberto (uno dei fondatori del gruppo scout Rg2 che è parte della nostra parrocchia), i tornei sportivi.

Come spunto per le vostre idee, sarebbero importanti secondo me:

- uno o più momenti di formazione (in cui imparare o approfondire contenuti, confrontarsi su problematiche, scoprire realtà nuove), su qualunque tematica (da
quelle bibliche a quelle sociali, da quelle educative per sostenere le famiglie a quelle morali; e così via);

- uno o più momenti di preghiera comunitaria (qualunque sia la forma e il contenuto, all’interno o all’esterno, per coinvolgere il territorio della nostra
Parrocchia: non intendo comunque processioni di statue (Il folclore che siamo bravi a creare, anche con le migliori intenzioni, attorno a una processione di statue, mi rende convinto che non è la processione delle statue ciò che ci può aiutare a imitare San Luigi).

Due anni fa abbiamo realizzato un momento intenso con l’adorazione eucaristica in serata dalla Chiesa al terreno della Chiesa Nuova, attraversando via Dierna, via Falcone e via Irlanda (si può riproporre, si può pensare ad altro);

- uno o più momenti di fraternità e di attenzione concreta ai problemi e disagi sociali ed economici di oggi.

Chi è abituato a un certo tipo di linguaggio, si è già accorto che questi tre spunti coincidono con le tre dimensioni della vita cristiana, che è incompleta se non si esprime attraverso tutti e tre gli aspetti della conoscenza, della preghiera, della carità.

Vi prego: non pensate che il vostro contributo o una vostra idea, seppur piccola, sia inutile. Il battesimo ci rende tutti corresponsabili della Chiesa, comunità voluta da Cristo per continuare la sua opera nel mondo. La Chiesa, nel nostro territorio, assumerà il volto che riusciremo a dare alla Parrocchia. 

Spero che nessuno pensi di poter restare tranquillo perché già fa un servizio o perché va a Messa tutte le domeniche, o perché non si sente parte della comunità e non ha interesse a farne parte (se siete in un gruppo in cui arriva questo messaggio, vuol dire che in questo momento state chiedendo alla Chiesa qualcosa… ma la
Chiesa, senza di voi, sarà mancante di qualcosa di prezioso e importante).

Ci vediamo, quindi, mercoledì 22 maggio 2019 alle 20.30 in Chiesa.

P.S.: in questo momento, a Roma, presso l’ufficio tecnico della Conferenza Episcopale Italiana, è in attesa di revisione la versione modificata del progetto per la nuova Chiesa della nostra Parrocchia. Se verrà approvato, partirà il percorso operativo per la costruzione. Ciò significa che nel 2022 potremmo festeggiare i sessanta anni dell’istituzione della parrocchia già nella nuova Chiesa e nei nuovi spazi. Spero che questa ricorrenza ci trovi pronti, ovvero più coesi, più progettuali, più capaci di pensare alle relazioni comunitarie fra tutti, non solo a quello che facciamo in parrocchia… più in cammino con Cristo verso il Padre, uniti dallo Spirito per il bene del nostro territorio, e aperti alle chiamate che il buon Dio vorrà donarci.